fbpx

Cosa vedere a Catanzaro: capitale europea della seta

cosa vedere a catanzaro

Cosa vedere a Catanzaro? Ti portiamo a scoprire la nostra città del cuore, tra parchi di arte contemporanea e musei unici in Italia.

 

Catanzaro, definita come la “città delle tre V”, V come il Santo Patrono San Vitaliano, V come il forte vento sempre presente e V come il velluto, ha un passato che non tutti conoscono. Tra il 1300 e il 1700 il capoluogo fu il polo più importante per la tessitura della seta tant’è che fu definita “Capitale Europea della Seta”.  Il filo d’oro veniva lavorato nel rione Maddalena dai maestri che per la loro bravura insegnavano le loro tecniche anche a Lione.

Oggi di quel passato non esiste più traccia, sono rimasti solo alcuni toponimi come ad esempio Via Filanda e Via Gelso Bianco, ma per scoprire fino in fondo la nostra città leggi subito la nostra guida su cosa vedere a Catanzaro e dintorni.

 

COSA VEDERE A CATANZARO

 

PARCO DELLA BIODIVERSITÁ MEDITERRANEA

Il primo luogo che ti consigliamo di visitare a Catanzaro è il Parco della Biodiversità Mediterranea, un’oasi naturalistica di 60 ettari nata dalla riqualificazione della vecchia Scuola Agraria.

Passeggiare in questo parco significa ammirare opere di artisti celebrati dai più importanti musei del mondo, da Jan Fabre, con il suo “Uomo che misura le nuvole” a Tony Cragg, con la sua opera “Rational Beings”. Da non perdere le sette figure in ferro rivolte verso il mare di Antony Gormley, la Cabane Éclatée aux 4 couleurs di Daniel Buren e gli Electric Kisses di Denis Oppenheim. Altre installazioni sono firmate da Michelangelo Pistoletto e Mauro Staccioli.

 

FONDAZIONE MIMMO ROTELLA

Se sei un appassionato d’arte, tra i vicoli della Giudecca, è nascosta la Fondazione Mimmo Rotella, l’artista di origine catanzarese famoso in tutto il mondo per aver trasformato lo strappo di un manifesto in un’arte attraverso la tecnica del “dècollage”.

La casa-museo, inaugurata nel 2005, era anche l’atelier della madre modista dove l’artista ha mosso i primi passi. Essa ospita alcune delle opere più importanti di Rotella come “L’allegro mondo di Charlot” del 2004.

 

VILLA MARGHERITA

Villa Margherita, chiamata dai catanzaresi Villa Trieste, è il giardino più antico della città, inaugurato nel 1881 in occasione della visita della Regina Margherita di Savoia. Al suo interno ospita la Biblioteca Comunale e il Museo Numismatico Provinciale.

 

MUSEO MARCA

Le sale del Museo Marca, nato nel marzo 2008, ospitano le collezioni di arte contemporanea calabrese. Da non perdere la pop art di Mimmo Rotella e tutti gli altri lavori degli artisti calabresi dal XVII al XX secolo.

 

COMPLESSO MONUMENTALE DEL SAN GIOVANNI

Il Complesso Monumentale del San Giovanni è situato nell’area dove sorgeva il Castello di origine normanna eretto nell’XI secolo da Roberto il Guiscardo e parzialmente distrutto nel Quattrocento. I suoi spazi sono usati spesso per esposizioni e mostre.

 

MUSEO DEL ROCK

 

museo del rock-cosa vedere a catanzaro

 

Se ami la musica, una delle cose da vedere a Catanzaro è il Museo del Rock, l’unico esistente in Italia. È stato creato nel 2011 grazie alla donazione del collezionista Piergiorgio Caruso e racconta la storia della musica dagli anni ’50 di Elvis Presley agli anni ’90.

Nelle sue sale puoi ammirare tantissimi pezzi unici, tra cui la copertina della banana disegnata da Andy Warhol, l’album “Le stelle di Mario Schifano” e il manifesto dell’ultimo concerto dei Beatles del 1966 al Candlestick Park a San Francisco.

 

IL CAVATORE

 

il cavatore-cosa vedere a catanzaro

 

Passeggiando per Piazza Matteotti non puoi non notare il Cavatore, la fontana monumentale simbolo di Catanzaro realizzata dallo scultore Giuseppe Rito negli anni ’50.

La statua in bronzo è incastonata nelle mura del Complesso del San Giovanni e simboleggia il duro lavoro, la costanza e la forza dei catanzaresi.

COSA VEDERE A CATANZARO E DINTORNI

 

TAVERNA

Taverna è il borgo natale di Mattia Preti, uno degli artisti calabresi più importanti del ‘600. Puoi ammirare molte delle sue opere presso il Museo Civico, la Chiesa Monumentale di San Domenico e la Chiesa di Santa Barbara.

 

VALLI CUPE DI SERSALE

Tra le cose da vedere nei dintorni di Catanzaro c’è la Riserva Regionale delle Valli Cupe, situata tra i comuni di Sersale e Zagarise, definita dal naturalista belga John Bouquet “il segreto meglio custodito d’Europa“.

Essa custodisce alberi secolari, monoliti alti decine di metri, cascate e un canyon lungo 8 km, il secondo a livello europeo.

 

MUSEO MABOS (MUSEO D’ARTE DEL BOSCO DELLA SILA)

A circa 40 minuti da Catanzaro, nel cuore della Sila Piccola catanzarese puoi visitare il Mabos, un luogo dove l’arte contemporanea si unisce al paesaggio.

È stato ideato dall’imprenditore Mario Talarico in collaborazione con il critico d’arte Roberto Sottile.

Il Museo ospita, in oltre 30 mila metri quadrati di bosco, tantissime sculture in legno realizzate dagli allievi dell’Accademia delle Belle Arti di Catanzaro, uno spazio serra-laboratorio e alcune casette in legno, sedi delle residenze degli artisti nazionali ed internazionali.

 

PARCO NAZIONALE DELLA SILA

 

sila-cosa vedere a catanzaro e dintorni

 

Se organizzi la tua vacanza a Catanzaro devi fare tappa nel Parco Nazionale della Sila. Puoi iniziare l’esplorazione dal Centro Visita Garcea, a due passi dal Villaggio Mancuso e poi spostarti verso i borghi di San Giovanni in Fiore con la sua Abbazia Florense oppure andare a Longobucco, famosa per la tessitura artigianale.

Un’esperienza da non perdere è di sicuro il Treno della Sila: un viaggio a bordo di una locomotiva a vapore del 1926 tra le montagne incontaminate del parco, da Moccone a San Nicola Silvana Mansio, passando per Camigliatello Silano.

 

 

LE CASTELLA

 

cosa vedere a catanzaro e dintorni - le castella

 

La fortezza di Le Castella, intatta nelle sue linee aragonesi, è simbolo dell’Area Marina Protetta Capo Rizzuto. Nei suoi fondali, fra le lunghe foglie di posidonie sono adagiati relitti di epoche diverse, testimonianze di antichi naufragi.

 

SANTA SEVERINA

Uno dei borghi più belli da visitare vicino Catanzaro è Santa Severina, in provincia di Crotone.

Il paese svetta su uno sperone di tufo che domina la vallata del fiume Neto. Ai piedi del Castello Normanno c’è la piazza principale del paese soprannominata il “Campo”, con la Cattedrale dedicata a Santa Anastasia e il Battistero, uno degli esempi più belli dell’arte bizantina in Calabria insieme alla Cattolica di Stilo.

 

SQUILLACE E LE SUE CERAMICHE

Squillace è uno dei centri più noti per la ceramica, legata alla fondazione della città avvenuta verso il VII secolo a.C. ad opera dei coloni greci che portarono qui l’arte dei famosi ceramisti di Samo. Non puoi perdere un giro tra le botteghe d’arte e una visita al Castello.

 

PARCO ARCHEOLOGICO SCOLACIUM – ROCCELLETTA DI BORGIA

 

parco scolacium - cosa vedere a catanzaro e dintorni

 

Il Parco Scolacium è uno dei siti archeologici più importanti della Calabria: conserva nel sottosuolo i resti della città greca Skylletion e della romana Scolacium.

Passeggia nel verde degli ulivi ultrasecolari e fermati ad osservare la bellezza e l’unicità di questi tesori, dalla Basilica di S. Maria della Roccella al Museo archeologico, passando per il Teatro Romano, il Foro e l’Anfiteatro.

 

LA SPIAGGIA DI CAMINIA

 

caminia-cosa vedere vicino catanzaro

 

Siamo quasi arrivati alla fine della nostra guida su cosa vedere vicino Catanzaro. Ora tocca fare un bagno a Caminia, la spiaggia più bella della Costa degli Aranci: lunga, ampia e di sabbia chiara, digrada velocemente nell’acqua cristallina del Mar Ionio. Alle estremità è chiusa da due scogliere di granito che formano grotte e insenature. Da un lato, a nuoto si raggiunge la Grotta di San Gregorio: qui sarebbero approdate le reliquie di San Gregorio Taumaturgo, oggi situate nell’antico convento dedicato al Santo, a Stalettì.

 

SOVERATO

 

soverato - cosa vedere a catanzaro e dintorni

 

Terminiamo i nostri consigli su cosa vedere a Catanzaro e dintorni con Soverato, la Perla dello Ionio.

La cittadina, bandiera blu dal 2017, è la località turistica più frequentata della costa: strutture ricettive e balneari, locali notturni e discoteche.

Ma oltre al mare c’è di più: una cava di macine di epoca romana, un giardino botanico con oltre mille specie di piante tipiche della macchia mediterranea e la Pietà di Antonello Gagini, custodita all’interno della Chiesa di Maria SS. Addolorata di Soverato Superiore.

 

Photo credits: Luigina La Rizza

Ti è piaciuta la nostra guida? Prenota subito la tua vacanza al BBuSS Country Club!